Tor Bella Monaca

22.07.2021

Qui vive Jeeg: Gianni e il calcio


  • Share
    FacebookTwitterWhatsAppEmail

Tag:

La storia di Gianni è comune a quella di tanti genitori. Due figli maschi, classe ’89 e ’92, entrambe con la passione per il calcio e la voglia di giocare. È così che tanti papà (ma anche molte mamme) finiscono per trascorrere anni dietro ad una rete, assistendo agli allenamenti infrasettimanali o alle partite della domenica. Anni di borsoni da preparare, di scarpini da pulire, soprattutto di chilometri da macinare con la macchina, per raggiungere sperduti campetti di periferia. “Inizi a seguire i tuoi figli come genitore”, racconta, “e poi le società ti chiedono aiuto per le trasferte”.

Così, quasi per inerzia, Gianni si è ritrovato a fare il dirigente calcistico per ben 15 anni, la maggior parte dei quali con la A.S.D. Roma VIII, una delle due squadre di Tor Bella Monaca. E mentre il figlio più piccolo passava dalla scuola calcio all’agonismo, lui sperimentava un po’ il dietro le quinte del mondo del pallone, seppur a livello amatoriale. “Di errori se ne fanno tanti, sia come genitore che come dirigente; il più frequente è quello di voler far vivere a tuo figlio delle esperienze che tu non hai potuto fare”. D’altra parte, è risaputo che molti dei problemi dei calciatori in erba nascono da mamme e papà che si sfogano sugli spalti.

“Pensi che l’impegno che tu metti a portare tuo figlio a scuola calcio debba essere ripagato dal suo risultato, ma in realtà il ragazzino si deve solo divertire; il primo obiettivo della scuola calcio deve essere la socializzazione”. A questo proposito, Gianni tira fuori dai cassetti della memoria un ricordo nitido. “Partecipavamo a un torneo con tutte le squadre affiliate alla Roma, organizzato allo Stadio Flaminio; quando si trattò di decidere chi convocare, l’allora Presidente fu netto e stabilì di portare tutti i bambini della squadra, anche quelli meno pronti”. Come andò a finire? Finale persa e ragazzini entusiasti per aver vissuto un’esperienza unica, su un campo vero. “Alcuni di loro non si interessavano neanche alla partita ma non smettevano di guardarsi intorno”. Se si depura il calcio, anche quello giovanile, dei furori competitivi, resta il suo nocciolo più autentico e necessario: uno sport capace di essere potente magnete di aggregazione. Soprattutto in quartieri dove le alternative mancano. “Nelle realtà difficili come Tor Bella Monaca”, sottolinea Gianni, “l’allenatore e il dirigente della scuola calcio, per alcuni bambini, sono punti di riferimento”. D’altra parte, le scuole calcio sono strutture private che devono far quadrare i conti ma che si scontrano anche inesorabilmente con le condizioni di disagio della zona in cui sono presenti. “Personalmente, ho visto dei mister comprare gli scarpini ai loro allievi, pur di farli giocare; il bello di stare dentro la scuola calcio era proprio questo: condividere con i bambini un progetto, tutti insieme”.
A questo link le storie straordinarie di “qui vive jeeg”

Laurentino38, street-art e gelati

23.07.2021

Grazie a Periferiacapitale nascono grandi e piccoli eventi in periferia.Ponte d’Incontro ha organizzato una bella iniziativa per insegnare ai ragazzi ad essere più creativi che mai.Lasciamo le parole e godiamoci […]

Share
FacebookTwitterWhatsAppEmail

Percorsi di Cittadinanza: “Verso un noi sempre più grande”

23.07.2021

da fb/percorsicittadinanza Il Santo Padre nel messaggio per la 107ma Giornata del #Migrante e del Rifugiato 2021 ha scelto il tema del “Verso un noi sempre più grande” esortando tutti […]

Share
FacebookTwitterWhatsAppEmail

La magia di Matteo Garrone al Tufello

22.07.2021

E’ stata una serata speciale quella di ieri sera tra i lotti del Tufello, dove Astracult ha invitato il regista Matteo Garrone a parlare di un film degli esordi: “Estate […]

Share
FacebookTwitterWhatsAppEmail

San Lorenzo 1962

21.07.2021

Un quartiere che , ai tempi, aveva appena 100 anni e stava risorgendo dei bombardamenti del 1943…un bel Documentario di Triscoli, ce lo descrive già cambiato e gentrificato nel 1962

Share
FacebookTwitterWhatsAppEmail

JR “rivisita” Palazzo Farnese

21.07.2021

Dopo aver squarciato Palazzo Strozzi a Firenze con l’opera “La Ferita”, il famoso street artist francese JR (Parigi, 1983) torna in Italia, stavolta nella capitale. Ad ospitare un suo intervento […]

Share
FacebookTwitterWhatsAppEmail

Questa sera “Estate romana” di Garrone al Tufello

21.07.2021

da https://www.facebook.com/AstracultFinalmente torniamo nei luoghi che più ci appartengono con una lacrimuccia e un incredibile ospite.Oggi ci rinfreschiamo un pò guardando insieme ai lotti del Tufello “Estate romana” di Matteo […]

Share
FacebookTwitterWhatsAppEmail

Il Colosseo in quarantena

20.07.2021

Durante l’emergenza Covid-19, una piccola grande famiglia di uomini e donne ha continuato a prendersi cura del #Colosseo, un gigante fragile che per loro è una seconda casa. Insieme hanno […]

Share
FacebookTwitterWhatsAppEmail

Laurentino 38: palazzina Ater nel degrado

20.07.2021

Caduta di intonaci, problemi con fognature, ascensori e mancanza d’illuminazione. E’ l’odissea quotidiana di una palazzina Ater a Laurentino 38. COLLEGAMENTI : https://canaledieci.it/

Share
FacebookTwitterWhatsAppEmail

#