News

28.11.2021

La prigione delle periferie di Roma


  • Share
    FacebookTwitterWhatsAppEmail

Tag:

La geografia sociale della capitale non dà nessuna speranza. Per chi nasce lontano dal centro il destino sembra già scritto.
Da: La Stampa

Una sera Alessia ha risposto al citofono, era un uomo che le gridava di consegnargli mille euro immediatamente o sarebbe salito con una spranga a picchiare lei e suo figlio. Alessia strillava, suo figlio ha preso un martello per difendersi e difendere la madre. Lei lo ha tenuto fermo, gli ha tolto il martello dalle mani e ha chiuso la porta a chiave.

L’uomo ha citofonato ancora: un giorno in più, le ha detto, ma un giorno solo. Poi è andato via e Alessia ha cominciato a fare le valigie, per l’ennesima volta. Sei mesi fa i suoi genitori l’hanno cacciata di casa. Viveva con loro, a Corviale, periferia sud occidentale di Roma, con i suoi tre figli Denise di 11 anni, Christian di 14 e il più grande Daniel, di 16. Alessia è una donna di 35 anni, non ha la macchina e non ha una casa, lavora in un supermercato del Trullo, 11 ore al giorno per 1300 al mese. È gastronoma e ne va fiera.

Quando sua madre e suo padre l’hanno cacciata di casa, lei ha portato i suoi figli a casa della sorella e ha cominciato a dormire sulle sedie del pronto soccorso all’Ospedale San Camillo di Roma. Alternative non ce n’erano. Alessia ha un lavoro, certo, ma non ha risparmi. Ha provato a contattare i numeri degli annunci privati per trovare una casa in affitto ma senza risparmi non poteva pagare la caparra e senza caparra nessuno le dava una casa. Così la mattina Alessia bussava alla porta di un’amica per farsi la doccia, poi andava al lavoro, e la sera uscita dal supermercato saliva su un autobus fino all’androne dell’ospedale. È andata avanti così per una settimana, finché un conoscente le ha detto: «Se te serve casa, t’aiuto io. Damme dumila euro e te trovo un posto dove dormì».

Il posto dove dormire era una galleria del serpentone, il palazzone di 1260 appartamenti, sei lotti, ognuno di nove piani, novecento metri di cemento pensati e realizzati a Corviale negli anni Settanta dall’architetto Mario Fiorentino, che voleva farne un esempio realizzato dell’utopia socialista.

Otto piani di case e uno, il quarto di ogni lotto, pensato per ospitare i luoghi di aggregazione e i servizi, progetto sfumato rapidamente, perché dall’inizio degli anni ottanta, tutti gli spazi comuni sono stati occupati da inquilini abusivi ma paganti: 150, 300 anche 500 euro al mese per un bagno comune, una stanzetta e un cucinino. È per avere un posto in galleria al quarto piano che Alessia doveva pagare duemila euro al racket delle occupazioni. Erano loro a cercarla quella sera, al citofono.
Continua su La Stampa

Inclusione e Sostenibilità: imprese sociali di INTERSOS

28.06.2022

INTERSOS è l’organizzazione umanitaria italiana in prima linea nelle gravi emergenze per portare aiuto immediato alle vittime di guerre, violenze e disastri naturali. Dal ’92  realizza progetti di aiuto umanitario in […]

Share
FacebookTwitterWhatsAppEmail

“Punti Blu 2022”, centri diurni per persone anziane

28.06.2022

Pubblicato nel X Municipio l’avviso per la realizzazione del progetto “Punti Blu 2022” una bellissima iniziativa volta ad aiutare gli anziani del territorio a superare le difficoltà dovute all’isolamento successivo […]

Share
FacebookTwitterWhatsAppEmail

Assemblea pubblica centro Giano

26.06.2022

Il 23 giugno si è svolta presso il Centro Bene Comune, la prima assemblea pubblica del CdQ dopo due anni e mezzo di inattività assembleare per pandemia. Dalla pagina Comitato […]

Share
FacebookTwitterWhatsAppEmail

Luce sulle torri, 70 eventi in 11 quartieri

26.06.2022

LUCE SULLE TORRI è una manifestazione artistica e culturale promossa dal Municipio Roma VI delle Torri e dedicata a bambini, famiglie, coppie, anziani, turisti, appassionati e curiosi. Il progetto sarà realizzato […]

Share
FacebookTwitterWhatsAppEmail

Folata di vento a Casetta Rossa, tenetevi pronti!

24.06.2022

Una folata di vento fresco per menti annebbiate, una pioggia nutriente per cuori inariditi, una radice energizzante per corpi stanchi… questo e molto altro sarà la Festa dell’Altra Estate! Tenetevi […]

Share
FacebookTwitterWhatsAppEmail

Periferie al centro con “I Nasoni raccontano”

24.06.2022

Oggi, domani 25 giugno, venerdì 1 e sabato 2 luglio, alle ore 20.30,  I Nasoni Raccontano – la storia ha il naso lungo lo storytelling urbano teatrale de La Città Ideale che, dal 2017 a […]

Share
FacebookTwitterWhatsAppEmail

Sabato e Domenica a Villa Bonelli

23.06.2022

Laboratori creativi, arte e gioco a Villa Bonelli: Sabato dalle 18:00 laboratori creativi a cura di Artludik.  Domenica dalle 18:00 laboratorio pittorico e di sculture di cartapesta a cura di Perfareungioco.  Come […]

Share
FacebookTwitterWhatsAppEmail

Giornata Mondiale del Rifugiato a Liberi Nantes

22.06.2022

(Dalla pagina FB di Liberi Nantes).Sabato 18 giugno al Campo Sportivo XXV Aprile – Pietralata abbiamo ricordato la Giornata Mondiale del Rifugiato. Come spesso succede a #Pietralata, allo sport abbiamo […]

Share
FacebookTwitterWhatsAppEmail

#