Municipio IV

13.09.2021

La donna che ha partorito in carcere tra diritti e politica


  • Share
    FacebookTwitterWhatsAppEmail

Tag:

Da: https://www.ilpost.it/.
A fine agosto una donna di 23 anni detenuta nel carcere di Rebibbia, a Roma, ha partorito in cella senza assistenza medica. A raccontare per prima quanto accaduto è stata Gabriella Stramaccioni, che a Roma è Garante delle persone detenute, un organismo statale con varie diramazioni locali che si occupa di monitorare la situazione nelle carceri; dopo che ne avevano parlato i giornali, si è interessata della vicenda anche la ministra della Giustizia Marta Cartabia, che ha avviato un’indagine dell’Ispettorato per capire come sia avvenuta l’incarcerazione della donna: secondo il Codice di Procedura Penale per le donne in gravidanza non dovrebbe essere disposta la custodia cautelare in carcere.

Dopo l’arresto, le tre donne erano state portate alla IV sezione penale del Tribunale di Roma, ed era stato assegnato loro un avvocato d’ufficio. Per Amra l’avvocato aveva chiesto il patteggiamento, ma la giudice Isabella Russi aveva respinto la richiesta e a quel punto Amra e le due donne erano state trasferite al carcere di Rebibbia. La giudice, scrive Repubblica, aveva deciso di applicare «la misura di maggior rigore» nei loro confronti, poiché le tre donne non lavoravano e non avevano fornito l’indirizzo di una «dimora idonea», e aveva ritenuto che le loro gravidanze non fossero un impedimento al carcere cautelare. Peraltro, l’avvocato aveva anche presentato alcuni certificati medici a testimoniare le complicazioni nelle precedenti gravidanze avute da Amra.

Il Codice di Procedura Penale dice all’articolo 275 che «se la persona da sottoporre a custodia cautelare sia donna incinta o madre di prole di età non superiore a sei anni […], non può essere disposta né mantenuta la custodia cautelare in carcere, salvo che sussistano esigenze cautelari di eccezionale rilevanza». Non è chiaro quali siano state «le esigenze cautelari di eccezionale rilevanza» nel caso di Amra, nè perchè la giudice non abbia seguito – non volendo disporre i domiciliari – quanto disposto dall’articolo 285 bis: «Il giudice può disporre la custodia presso un istituto a custodia attenuata per detenute madri»
Continua su:
https://www.ilpost.it/.

Ludoteca “La Casetta delle arti e dei giochi”

23.09.2021

La ludoteca La Casetta Spazio per famiglie e minori Tor Sapienza è uno spazio ricreativo dove i bambini possono socializzare, divertirsi e allo stesso tempo ricevere stimoli cognitivi, emotivi ed […]

Share
FacebookTwitterWhatsAppEmail

LA PARTITA – CLIP “L’amatriciana”

23.09.2021

Domani sera inizia il Magliana Film Fest a Villa Bonelli (via camillo montalcini 1). Tre giorni di cinema e dibattiti a Villa Bonelli curati da studenti e studentesse della Scuola […]

Share
FacebookTwitterWhatsAppEmail

Siamo tutti la periferia di qualcuno

23.09.2021

Su Romatoday ottima analisi di Nella Converti che spiega perchè non si dovrebbe parlare di periferie come un blocco monolitico. Se qualcuno pensa alle periferie come a un blocco monolitico, […]

Share
FacebookTwitterWhatsAppEmail

Apertura del Cinema Troisi a Trastevere

22.09.2021

Presentato il Cinema Troisi che ha riaperto ieri 21 settembre a Roma, nel quartiere di Trastevere, con un’esclusiva nazionale per una settimana di Titane, il film della Palma d’oro a […]

Share
FacebookTwitterWhatsAppEmail

MAAM tra sgombero e Unesco

21.09.2021

Sabato tutti al MAAM. (FB/museoMAAM)Sosteniamo la condidatura del Museo Abitato all’UNESCO! Il MAAM, il Museo dell’Altro e dell’Altrove di Metropoliz ospita circa 500 opere di 400 artisti da tutto il […]

Share
FacebookTwitterWhatsAppEmail

Le Sette Rome al Magliana Film Fest

21.09.2021

Sabato 25 alle 21 al Magliana Film Festival a Villa Bonelli “le sette Rome”. Prodotto da Andrea Mancori, Sara Vicari, Cécile Berranger e Giorgia Amato del collettivo Aroundtheworld.coop e tratto […]

Share
FacebookTwitterWhatsAppEmail

Acli, storie di periferia, comunità e lavoro

21.09.2021

Dal https://www.corriere.it/. l 23 settembre saranno trascorsi 582 giorni da quando è stato identificato il primo caso di Coronavirus in Italia: da allora niente è stato più come prima. La tanto […]

Share
FacebookTwitterWhatsAppEmail

La Casetta Spazio per famiglie e minori

20.09.2021

Da: fb/AntroposCooperativaOnlus La ludoteca La Casetta Spazio per famiglie e minori Tor Sapienza è uno spazio ricreativo dove i bambini possono socializzare, divertirsi e allo stesso tempo ricevere stimoli cognitivi, […]

Share
FacebookTwitterWhatsAppEmail

#