News

9.03.2021

Vaccino, nel Lazio avanti le disabilità gravissime


  • Share
    FacebookTwitterWhatsAppEmail

di Chiara Ludovisi per Redattoresociale.

Dopo ripetuti appelli e interlocuzioni tra rappresentanti delle associazioni e uffici regionali, arriva la notizia: chiamata diretta della Asl o del centro per tutti i “gravissimi”. Rientrano nella categoria anche autismo e disabilità intellettive, purché gravi. Vaccino anche per i caregiver principali e, nel caso di under 16, per tutti i conviventi

ROMA – Non più escluse né dimenticate: le persone con gravissime disabilità riceveranno il vaccino anti-Covid, come pure i loro caregiver. Da domani le Asl e i centri di riferimento li contatteranno, per prendere appuntamento e programmare la somministrazione, che potrà avvenire anche tramite i medici di famiglia. Fa un passo da gigante, la regione Lazio, accogliendo le richieste che da tempo e a più voci venivano rivolte da associazioni e famiglie. Ieri pomeriggio la Direzione regionale Salute ha trasmesso la comunicazione alle Asl e alle aziende ospedaliere, con oggetto “Ulteriori indicazioni ad interim per la vaccinazione anti SARS-CoV-2: disabili gravissimi ai sensi del Decreto del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali del 26 settembre 2016 (GU n 280 del 30/11/2016)”. Qui si ricorda che “con nota prot. 192071 del 02.03.2021 sono state fornite ulteriori indicazioni in merito alla vaccinazione dei soggetti over 16 anni sottoposti a ventilazione meccanica assistita seguiti in assistenza domiciliare integrata e dei rispettivi genitori/caregivers indipendentemente dall’età dell’assistito”.

E rispetto a quel primo “passo avanti”, si compie questo secondo passo, più consistente e decisivo, molto atteso dalle famiglie: “Stante l’attuale disponibilità di dosi”, si dispone infatti “l’accesso alla vaccinazione delle persone con disabilità gravissima, così come individuate dal decreto del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali del 26 settembre 2016 (GU n 280 del 30/11/2016)”. E si elencano le diverse condizioni incluse in questa categoria: tra queste, i disturbi dello spettro autistico e il ritardo mentale, purché riconosciuti come gravi.

Non solo: “La vaccinazione, relativamente ai pazienti con le condizioni sopra-elencate, deve essere garantita anche al caregiver principale. Per le persone di età inferiore a 16 anni è prevista la vaccinazione dei genitori, caregivers e conviventi. Questi ultimi potranno prenotare la propria vaccinazione attraverso il numero dedicato 06.164161841”.

Per quanto riguarda procedure e modalità, “tali soggetti, ove non già prenotati, accedono alla vaccinazione con farmaci a mRNA, attraverso la chiamata diretta e attiva da parte delle ASL competenti per territorio – che potranno fornire la vaccinazione anche con il coinvolgimento del medico di medicina generale, dell’ADI e/o delle USCAR – oppure attraverso la chiamata diretta ed attiva del Centro di riferimento (ASL/AQUIAO) che li ha in carico per la specifica patologia”.

Barbieri: “Ora piena priorità sia inserita nel piano vaccinale”

Plaude ma rilancia, Pietro Barbieri, tra i primi a chiedere priorità per le persone con disabilità nell’accesso al vaccino: “La regione Lazio è la prima a porsi nell’ottica di prenotare le vaccinazioni per persone con disabilità gravissime. Sarà poi compito delle associazioni riuscire a garantire tutte le persone in condizioni di gravità ( in base all’art. 3 comma 3 della legge 104)”. Ora, però, occorre che il passo sia compiuto a livello nazionale: “Nel Piano vaccinale non c’è alcun riferimento, la regione Lazio è andata più avanti. Ora però occorre modificarlo, il piano vaccinale, per inserire una piena priorità, che attualmente non c’è”. Da ultimo, “questa decisione della regione Lazio segna una sconfitta per tutti quelli che chiedevano la priorità per altre categorie (avvocati, lavoratori ecc) per esigenze produttive ed economiche, con discorsi che ci riportavano indietro fino alla parte peggiore del ‘900. Per fortuna c’è chi tiene la giusta direzione e lo sta dimostrando”.

Le associazioni: “Con il gioco di squadra, abbiamo vinto”

Esultano le associazioni, in testa Angsa Lazio e Oltre lo sguardo onlus: “Dal 3 dicembre la voce di Pietro Vittorio Barbieri non ha cessato mai di dirlo: priorità vaccinazioni per i disabili gravissimi!
A volte il silenzio è stato assordante, ma non abbiamo mai smesso di ‘urlare’ quanto fosse discriminante e anticostituzionale ciò che stava avvenendo – ricordano in un comunicato congiunto Stefania Stellino ed Elena Improta – A seguito di vari appelli di mamme caregiver e della partecipazione ad alcune trasmissioni televisive, siamo stati contattati dalla consigliera Chiara Colosimo della regione Lazio per capire quali criteri oggettivi utilizzare per ampliare la platea degli aventi diritto alla vaccinazione per i più fragili. Abbiamo allora suggerito di utilizzare i criteri già individuati dal decreto del ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali del 26/09/2016 (GU n 280 del 30/11/2016), che includono tra gli altri alla lettera ‘g’ dell’art.3 ( ‘persone con gravissima disabilità comportamentale dello spettro autistico ascritta al livello 3 della classificazione del DSM-5) e alla lettera ‘h’ (‘persone con diagnosi di ritardo mentale grave o profondo secondo
classificazione Dsm-5′. Grazie ad un lavoro di squadra fatto con anche l’impegno di “Oltre lo sguardo” di Elena Improta, la direzione regionale Salute e integrazione socio-sanitaria ha appena preso questa importante decisione, che rappresenta una grande vittoria per tutti noi e per le nostre famiglie”.

Inclusione e Sostenibilità: imprese sociali di INTERSOS

28.06.2022

INTERSOS è l’organizzazione umanitaria italiana in prima linea nelle gravi emergenze per portare aiuto immediato alle vittime di guerre, violenze e disastri naturali. Dal ’92  realizza progetti di aiuto umanitario in […]

Share
FacebookTwitterWhatsAppEmail

“Punti Blu 2022”, centri diurni per persone anziane

28.06.2022

Pubblicato nel X Municipio l’avviso per la realizzazione del progetto “Punti Blu 2022” una bellissima iniziativa volta ad aiutare gli anziani del territorio a superare le difficoltà dovute all’isolamento successivo […]

Share
FacebookTwitterWhatsAppEmail

Assemblea pubblica centro Giano

26.06.2022

Il 23 giugno si è svolta presso il Centro Bene Comune, la prima assemblea pubblica del CdQ dopo due anni e mezzo di inattività assembleare per pandemia. Dalla pagina Comitato […]

Share
FacebookTwitterWhatsAppEmail

Luce sulle torri, 70 eventi in 11 quartieri

26.06.2022

LUCE SULLE TORRI è una manifestazione artistica e culturale promossa dal Municipio Roma VI delle Torri e dedicata a bambini, famiglie, coppie, anziani, turisti, appassionati e curiosi. Il progetto sarà realizzato […]

Share
FacebookTwitterWhatsAppEmail

Folata di vento a Casetta Rossa, tenetevi pronti!

24.06.2022

Una folata di vento fresco per menti annebbiate, una pioggia nutriente per cuori inariditi, una radice energizzante per corpi stanchi… questo e molto altro sarà la Festa dell’Altra Estate! Tenetevi […]

Share
FacebookTwitterWhatsAppEmail

Periferie al centro con “I Nasoni raccontano”

24.06.2022

Oggi, domani 25 giugno, venerdì 1 e sabato 2 luglio, alle ore 20.30,  I Nasoni Raccontano – la storia ha il naso lungo lo storytelling urbano teatrale de La Città Ideale che, dal 2017 a […]

Share
FacebookTwitterWhatsAppEmail

Sabato e Domenica a Villa Bonelli

23.06.2022

Laboratori creativi, arte e gioco a Villa Bonelli: Sabato dalle 18:00 laboratori creativi a cura di Artludik.  Domenica dalle 18:00 laboratorio pittorico e di sculture di cartapesta a cura di Perfareungioco.  Come […]

Share
FacebookTwitterWhatsAppEmail

Giornata Mondiale del Rifugiato a Liberi Nantes

22.06.2022

(Dalla pagina FB di Liberi Nantes).Sabato 18 giugno al Campo Sportivo XXV Aprile – Pietralata abbiamo ricordato la Giornata Mondiale del Rifugiato. Come spesso succede a #Pietralata, allo sport abbiamo […]

Share
FacebookTwitterWhatsAppEmail

#